Altri magici paesaggi d’acqua caratterizzano Seulo, Il monumento naturale più famoso è su Stampu ‘e Su Turrunu, un singolare fenomeno che comprende inghiottitoio, grotta e risorgiva con cascata e laghetto, immerso nel verde fitto della foresta di Addolì, al confine con Sadali. Mentre a is Caddaias le rocce, modellate dal Flumendosa appaiono come grandi vasche da cui sgorgano rapide. Forau Murgia è un’altra bellissima piscina naturale in mezzo alla foresta creata dal fiume che compie anche vari salti, generando le cascate di Piscina ‘e Licona. Lo scorrere dell’acqua ha scavato nei millenni grotte carsiche, abitate sin dalla preistoria. Acqua e vento si sono sbizzarriti modellando i contorni de s’Arcu ‘e su cuaddu, un dolmen naturale, sotto cui è stata scavata una domu de Janas. Tra gli altri tesori archeologici spiccano tre nuraghi, due vicini: il minore, su Nuraxeddu, e il maggiore, su Nuraxi ‘e Pauli e un terzo nuraghe Ticci con resti di un grande villaggio. Seulo è detto il paese de s’orrosa ‘e padenti, ossia la rosa peonia, che coi primi caldi primaverili dipinge di rosso e giallo i pendii scoscesi del monte Perdèdu, che domina l’abitato.